No Tav, Prc: solidali con Nicoletta Dosio e tutti gli attivisti. La lotta non si arresta!

Per Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc-Se di Torino, «Trent’anni di carcere per le manifestazioni No Tav del 2015 in Valsusa sono un’assurdità. In occasione di quella manifestazione un migliaio di manifestanti raggiunse il cantiere Tav osteggiati dalle forze di polizia. Per il lancio di sassi e fuochi d’artificio che ne è seguito sedici manifestanti sono stati trattati alla stregua di terroristi veri e propri. Inammissibile!

Haddad e Del Rojo sulle elezioni politiche in Brasile

Le elezioni politiche generali di domenica 7 ottobre 2018 in Brasile hanno visto l’affermazione drammatica di Jair Bolsonaro espressione della estrema destra fascistizzante con 46% dei suffragi. Il candidato della sinistra Fernando Haddad ha raccolto il 29% dei voti. Il ballottaggio è fissato per il 28 ottobre. Ciro Gomes espressione del centro sinistra riformatore ha ottenuto il 13%, altri quattro candidati hanno avuto fra 1 e 2%.

Brasile: Bolsonaro e la “sindrome di Stoccolma”

di Marco Consolo

 

Samba a destra in Brasile.

Più di 147 milioni di brasiliani sono stati chiamati alle urne lo scorso 7 ottobre per eleggere Presidente, Vicepresidente, i componenti di Senato e  Camera, governatori degli Stati. Si trattava delle prime elezioni dopo il colpo di Stato parlamentare contro la Presidente legittima Dilma Roussef, golpe cha ha insediato Michel Temer, il cui governo “de facto”, tra le altre misure, ha congelato la spesa pubblica per i prossimi 20 anni, privatizzato a man bassa e reintrodotto il lavoro schiavistico.

Ormai è vietato pure salire sui tetti: Daspo agli operai licenziati

«Massima solidarietà a Mimmo Mignano, Massimo Napolitano e Antonio Barbati, i compagni di Pomigliano che oggi sono stati fermati a Roma, portati in commissariato e poi oggetto di un Daspo di 2 anni. Erano saliti sul tetto della sede del primo municipio di Roma per protestare contro il loro licenziamento da parte della Fca. Grazie ai decreti di Minniti e Salvini vengono trattati come violenti pericolosi e per due anni non potranno entrare a Roma.
Ormai agli operai è vietato pure salire sui tetti per protestare contro i licenziamenti.

Pagine