MO, Acerbo: “Nemmeno una parola dal governo e dal parlamento italiani: vergogna!”

Versione stampabileSend by emailPDF version

COMUNICATO STAMPA

MO – ACERBO (PRC): “NEMMENO UNA PAROLA DAL GOVERNO E DAL PARLAMENTO ITALIANI: VERGOGNA! L’ITALIA CONVOCHI L’AMBASCIATORE ISRAELIANO”

Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, dichiara:

“61 vittime a Gaza e l’Italia non ha speso una parola che sia una! E’ una vergogna. Il Presidente della Repubblica, il governo e il parlamento dovrebbero avere la decenza di prendere posizione contro questa ennesima strage. Particolarmente grave il silenzio di Gentiloni, Martina e dell’intera classe dirigente Pd che dovrebbe prendere esempio da Corbyn che ha condannato Israele con parole nette e chiare. Lo stesso presidente della Camera pentastellato tace. L’Italia convochi almeno l’ambasciatore, come ha fatto l’Irlanda. La totale sudditanza nei confronti di Usa e Israele è vergognosa.
Noi di Rifondazione Comunista e Potere al Popolo saremo in piazza oggi al presidio in solidarietà alla popolazione palestinese”.

15 maggio 2018